Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Stampa

Storico accordo tra Figs e Dipartimento di Polizia Penitenziaria

2018 gozi consolo micoliStorico accordo tra la Federazione Italiana Giuoco Squash ed il Dipartimento di Polizia Penitenziaria

Si è svolta a Roma, presso gli uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la conferenza stampa durante la quale è stato siglato il protocollo d'intesa tra la Federazione Italiana Giuoco Squash (rappresentata dal Presidente Federale, Piero Bartoletti) ed il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria (rappresenta dal capo dipartimento dott. Santi Consolo). Tale protocollo prevede un comune impegno volto a migliorare le condizioni di vita della popolazione detenuta attraverso la pratica del gioco dello squash, infatti l'attività sportiva in senso lato ed in particolare il nostro sport sono perfettamente  ritenuti idonei a questo scopo.

Lo squash, è uno sport ideale per i suoi riconosciuti valori di lealtà, solidarietà, osservanza delle regole, socializzazione, rispetto degli avversari e  dell'arbitro, sarà progressivamente introdotto nelle realtà carcerarie italiane, nelle quali saranno realizzati campi da squash, tramite specifici programmi di attività sportiva realizzati dal Dap e dalla Figs, che metterà a disposizione materiale sportivo ed i suoi tecnici.
Il protocollo d'intesa è stato siglato nell'ambito del progetto "Sport in Carcere", promosso dal Ministero della Giustizia e dal CONI.

Durante la conferenza stampa il capo del dipartimento di polizia penitenziaria, dott. Santi Consolo, ha sottolineato la fattiva collaborazione con la Figs e ha ribadito di confidare molto sulla funzione sociale-rieducativa dello squash.

Per conto della nostra Federazione é intervenuto il nostro responsabile delle relazioni internazionali ed ideatore del progetto, on. Sandro Gozi, sottolineando l'importanza di questo accordo che oltre ad espletare un'importante funzione sociale ha anche il merito di riconoscere allo squash alcune sue importanti caratteristiche come quelle di essere uno  sport non violento, ricco di far play e che comporta un reale e benefico dispendio di energie, sia fisiche che mentali, liberando dallo stres chi lo pratica.

Il nostro consigliere federale Marco Micoli, presente alla conferenza, ha manifestato la soddisfazione della nostra Federazione per la realizzazione di questo importantissimo progetto.