Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Stampa

Regole del Gioco

GIOCARE A SQUASH - LE REGOLE PRINCIPALI

IL CAMPO - Lungo m. 9,75 e largo m. 6,40 ha pareti solitamente in muratura e pavimento in legno.
La linea di delimitazione superiore è tracciata nella parete frontale a m. 4,57 dal pavimento e scende lungo le pareti laterali fino a m 2,13 della parete posteriore solitamente in vetro per permettere la visione agli spettatori. A m. 0,48 della parete frontale c’è la linea di delimitazione inferiore (Tin).

L'ATTREZZATURA - E’ sufficiente un normale abbigliamento sportivo (T-Shirt e pantaloncini), mentre la suola in gomma delle scarpe deve essere chiara e sempre pulita.
La racchetta, di lunghezza complessivamente uguale a quella del tennis, ha un piatto corde più piccolo e un manico più sottile.
La palla pesa circa 23 grammi e contiene al suo interno una goccia d’acqua. Per effetto del palleggio iniziale la gomma si riscalda accentuando la sua capacità di rimbalzo.
Nei tornei juniores under 19 è obbligatorio l’uso degli occhialini o della maschera di protezione.

L'IMPUGNATURA - L’impugnatura non cambia dal diritto al rovescio.
L’angolazione è leggermente aperta in modo che il pollice e l’indice formino una “V” sull’angolo interno del manico. Non esercitare un’eccessiva pressione.

IL GIOCO - Dopo un servizio valido i due giocatori colpiscono alternativamente la palla fino a che uno dei due non commette un errore. Il colpo è valido quando la palla, prima che abbia rimbalzato più di una volta sul pavimento, viene rilanciata in maniera corretta in modo che colpisca la parete anteriore del campo (direttamente o di sponda) sopra la linea della delimitazione inferiore (“Tin”) e sotto quella superiore, senza prima toccare il pavimento.

IL SERVIZIO - E’ il sorteggio a designare chi batterà per primo. Il battitore continua a servire finché non perde il colpo e il servizio passa all’avversario.
Il battitore è libero di iniziare a servire scegliendo il box di destra o di sinistra, ma una volta conquistato un punto deve alternare i box.
Con almeno un piede all’interno del proprio box di servizio il battitore deve indirizzare la palla direttamente contro la parete anteriore tra la linea di servizio e quella alta di fuori campo.
Salvo che non venga presa al volo, la palla deve ricadere, direttamente o toccando le altre pareti, nel quarto posteriore opposto a quello del battitore.
Si ha a disposizione un solo servizio. Il battitore perde il servizio ad esempio quando la palla termina fuori campo, quando non termina nel quarto posteriore opposto oppure se cade a terra senza essere colpita durante la battuta.

IL PUNTEGGIO - Un incontro si gioca al meglio dei 3 o 5 giochi (game). Un gioco viene disputato agli 11 punti. Il giocatore che arriva per primo a 11 punti vince il gioco eccetto quando il punteggio è 10 pari, in quel caso il gioco continua fino a che uno dei due giocatori raggiunga un vantaggio di 2 punti.
Entrambi i giocatori possono segnare punto. Se il battitore segna un punto, a lui rimane il servizio; se il ricevitore segna un punto, guadagna il punto e il servizio.

LA POSIZIONE IN CAMPO - Dopo aver colpito la palla è consigliabile cercare di spostarsi rapidamente verso il centro del campo, comunemente chiamato punto "T", da dove si controlla meglio il gioco.

LE INTERFERENZE - IL LET - Dopo aver colpito la pallina il giocatore deve fare ogni sforzo per non intralciare l’avversario lasciandogli la possibilità per effettuare il colpo. Data la vicinanza tra i giocatori l’apertura e la chiusura del colpo non devono essere eccessivamente ampi.
Ogni volta che si abbia il minimo dubbio di poter colpire l’avversario con la racchetta o con la pallina oppure ogni volta che l’accesso alla palla risulti impedito il giocatore ostacolato può
chiedere un “Let”, cioè la ripetizione dello scambio.
Un intralcio non giustificato può essere penalizzato, indipendentemente dalla sua volontarietà, con uno “Stroke” cioè con il punto per il giocatore ostacolato.
Nel caso in cui il giocatore viene intralciato, ma non sarebbe comunque arrivato sulla palla, viene decretato un “No Let”, cioè nessuna ripetizione dello scambio.

Pieghevole con Regole Base